Salina

Salina-aerea02Situata al centro delle Isole Eolie, con una superficie di 26,8 km2, l’isola di Salina è la seconda per estensione dopo Lipari.  Essa è costituita da sei vulcani ormai spenti, i due principali “Monte Fossa delle Felci (m.962) e Monte Porri (m.860),  inspirarono i greci nel denominarla Didyme (Isola gemella); osservandola provenendo da nordest appare infatti divisa in 2 parti uguali.

Il nome attuale dell’isola deriva, invece, dall’attività estrattiva del sale del laghetto di Lingua, anticamente adibito per la conservazione dei pesci e dei capperi.

Per la sua ricca vegetazione è anche denominata “Isola Verde”, la più apprezzata dai naturalisti e amanti del trekking. Per immergervi in questo verde rigoglioso, basta dirigersi verso Valdichiesa e da li raggiungere i vulcani sopra citati, attraverso un tracciato percorribile a piedi o con un fuoristrada fino ad un cancello.

Da menzionare è sicuramente l’interesse che Salina ha suscitato nel grande schermo. E’ a Pollara infatti la casa eoliana diventata famosa con il film di Massimo Troisi “Il postino”.

Salina, a differenza delle altre isole che fanno tutte capo al comune di Lipari, è suddivisa in tre comuni autonomi:

  • Santa Marina Salina (con la frazione di Lingua);
  • Malfa (con le frazioni di Pollara e Capo Faro);
  • Leni (con le frazioni di Valdichiesa e Rinella).

Dal 1980 Salina è sede di un Parco naturale.

Dal 2002 è stato dichiarato, insieme alle isole dell’arcipelago, dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.